9-cose

9 prodotti che ho scoperto quest’anno e che userò per sempre

9 prodotti che ho scoperto

Vanno dai 69 centesimi ai 600 euro, e li adoro tutti in egual misura: questi sono i 9 prodotti che ho scoperto negli ultimi 12 mesi e di cui mi sono innamorata tanto da sapere che non li abbandonerò mai più.

Come avrete notato, mi piace stilare liste di best of: le top 5 e le top 10 in particolare. È con questa filosofia di vita e per dovere civico che condivido con voi queste mie scoperte… spero che possano riuscire utili anche a voi e di ricevere tra i commenti anche i vostri suggerimenti: perché non c’è niente di meglio di un passaparola tra amici per lanciarsi in un nuovo acquisto!

Farina 0 macinata a pietracrostata

Non solo buona per pizza, focaccia e pane, ma la fine di ogni discussione per crostate e biscotti. Compro la mia attraverso il GAS (gruppo di acquisto solidale) di cui faccio parte, per cui è pure biologica. Ma ormai la farina macinata a pietra si trova di varie marche in tutti i supermercati, quindi non ci sono scuse: sentirete la differenza nel sapore e nello scrocchio.
Prezzo medio al chilo: 2,5€ se biologica

V8 Cordless Dysondyson v8

Dyson mi ha regalato tre elettrodomestici per testarli: il robottino aspirapolvere Eye 360, il termoventilatore purificatore Pure Hot + Cool Link e l’aspirapolvere senza filo e senza sacchetto Cordless V8.
Ed è questo che mi ha svoltato la vita: mi piace così tanto che pulisco 20 volte di più di quanto facessi prima – forse anche 100. Lo stacco dalla sua stazione di ricarica avvitata al muro, lo passo e lo riattacco. È leggero, pulisce come se non ci fosse un domani, va dappertutto, ha gli accessori più fichi del mondo, si monta come un’arma spaziale in un nano-secondo. Sì, costa 600€ ma ne vale il doppio. Non ci penserei due volte a scambiarlo con il robottino che pulisce da solo e ne costa 1000!
Prezzo: 599€ (listino)

Olio di avocadoolio avocado

Ho la pelle permalosa tipica dei biondi – ha un gran bisogno di essere nutrita ed idratata più volte al giorno, ma è schifiltosa da matti: 99 creme su 100 non vengono assorbite, mi arrossano e mi fanno caldo al viso. Ah, e non sopporto i cosmetici che contengono profumi.
Ho provato taaanti prodotti in vita mia, e anche quelli che per un po’ funzionavano a un certo punto non venivano più assorbiti e partiva la staffetta del rossore, calore, senso di soffocamento.
E poi finalmente un’amica avocadista mi ha regalato del puro olio di avocado (in una graziosa bottiglietta vintage) e ho scoperto che non sono solo dicerie: questa roba sarà buona nell’insalata, ma sulla pelle e sui capelli fa proprio meraviglie!
Io la schiaffo così com’è sul viso e il collo, e un velo impercettibile sulle punte dei capelli. Con mezzo cucchiaino copro le tre volte al giorno di cui ho bisogno per cui ritengo che un flacone da 100ml sia più che sufficiente a garantire diversi mesi di cure di bellezza. Conviene però prenderne di più e spartirselo con le amiche.
Il prezzo migliore che ho trovato online: 11,95 per 500ml

Spazzola Acca Kappaspazzola acca kappa

Un regalo di compleanno che mi ha davvero sorpresa: sembra una normalissima spazzola di legno come quelle che ho sempre usato, ma questa ha un effetto setificante sui capelli immediato, quasi una messa in piega!
Questa è la mia (ovale, per capelli lunghi e lisci) in mogano Kotibé e spilli in POM, un materiale plastico che resiste ad altissime temperature ed è quindi adatto per lo styling sotto il phon.
Ci sono anche le versioni per capelli corti e per capelli lisci. Made in Italy da un’azienda a conduzione famigliare datata 1869.
Prezzo: 16.50€ su Fatto-bene.com




Tartufi Antica Torroneria Piemontesetartufi antica torroneria piemontese

Ordinati a scatola chiusa, anzi, senza nemmeno vedere la scatola, attraverso il mio GAS (vedi sopra), questi tartufini sono stati un atto di fiducia strapremiata: burroso e lievemente salato quello al pistacchio, sontuoso quello all’amaretto, godurioso quello al cioccolato fondente, elegante (e sexy) quello al cioccolato nero. Vorrei dire che quello al pistacchio è il mio preferito, ma poi lo so che cambio idea… sono uno più buono dell’altro!
Prezzo in pasticceria: 6€ all’etto; prezzo attraverso il GAS: 3€ all’etto; 7,70€ per due etti da Eataly.

Cacao Carrefourcacao carrefour

Ci sono modi peggiori di spendere il proprio tempo di quello impiegato a fare assaggi verticali di cioccolate calde in tazza.
Quest’inverno mi ci sono messa di buzzo buono (lo attesta la mia figura di profilo) e ho provato cacao in polvere non zuccherato di varie marche: costose, griffate, equosolidali, bio, no logo, piccole aziende.
Ne esce vincitore quello della linea del supermercato Carrefour per rapporto qualità-prezzo. Il gusto è pieno (perché amici miei, esiste anche il cacao che sa solo di polvere e io l’ho comprato), il costo è minimo.
Prezzo: 0,69€ la classica confezione da 75gr

Sugrumicroplane sugru

Quando penso al Sugru mi spunta un sorriso automatico e mi si accelera il battito cardiaco. Posso solo definirlo UNA FIGATA.
A volte le pubblicità su Facebook ti tormentano con proposte tipo “la moda over 60 che devi comprare adesso” (ci risentiamo tra una quindicina d’anni, Facebook, se non ti dispiace); a volte ti fanno scoprire prodotti senza età come questa colla modellabile che sembra Didò, unisce e ripara ogni tipo di materiale, e resiste al caldo, al freddo e all’acqua.
In questa mia recensione del Sugru spiego meglio tutto. Qui vi dico solo che in tre mesi ne ho comprate quattro confezioni.
Prezzo: circa 15€ la confezione

Stiketsetichette stikets

Stikets è un inserzionista di Cakemania, e sono orgogliosa di dirlo perché mi piace che sia sempre chiaro che chi fa pubblicità su questo sito viene selezionato per i suoi meriti e per l’utilità dei suoi prodotti. Non troverete mai, qui, promozioni di cose che a me personalmente non piacciono e che non ho provato prima di parlarne.
E le etichette adesive Stikets mi piacciono un casino. Taaanto, mi piacciono!
Ha dell’incredibile come si attacchino, si stacchino, vengano trasferite da un quaderno a un barattolo, passino in lavastoviglie tutti i giorni per poi essere di nuovo staccate e riattaccate e sembrare nuove di pacca. Come le fanno?!
Il catalogo è ampio, tutto personalizzabile, quindi vi consiglio di fare semplicemente un giro sul loro sito per vedere cosa può esservi utile.
Prezzo di partenza: 3,95€

Mensole invisibili Umbramensola umbra

La soluzione finale ai problemi di spazio da devolvere ai libri: le mensole che, come queste, scompaiono dentro il primo volume a copertina rigida che ci si incastra dentro e che fa da base per la pila successiva.
Questo significa che ogni spazio libero disponibile su una parte può ospitare fino a una decina di libri senza richiedere una struttura che parte da terra o uno scaffale a vista. Risparmioso e minimal chic!
Le mie sono della marca Umbra ed esistono di tre misure: che supportano 6, 9 o 13 chili. Ne ho prese quattro piccole e due medie per i libri di cucina che non mi stanno più nelle librerie e sulle scale… ma questo non vuole dire che non mi possiate più regalare libri di cucina, perché basta che mi compri un’altra mensola a scomparsa e me la avviti in bagno! 🙂
Prezzo per tre mensole di misura piccola: 26€

Tags: , , ,

Guarda anche

Lascia un commento

Commenti (14)

  • Avatar

    Lucia

    |

    Confermo e ti ringrazio che avevi consigliato gli Stickets perché li ho comprati anche io per la scuola e sono fantastici; a provare il cacao della Carrefour si fa presto (eh eh), ma sono molto incuriosita dalla Sugru ….. secondo te su un parafango funzionerebbe? Sarebbe un bel risparmio sul carrozziere!!

    Reply

    • Avatar

      sasha carnevali

      |

      ciao lucia, sì il sugru va benissimo su plastica e metallo! tieni conto che le bustine sono piccole, non so che danno tu abbia… comunque i colori si mescolano e puoi creare quello che ti serve (o andarci vicino).
      felice per gli stikets, e sì, fatti uan bella cioccolata calda! se hai pazienza tra 10 giorni pubblico un videotutorial per fare il ciobar di casa in 5 minuti 🙂

      Reply

      • Avatar

        Lucia

        |

        GRANDE! Lo aspetto allora! Su Youtube??

        Reply

        • Avatar

          sasha carnevali

          |

          yes!!

          Reply

  • Avatar

    Mariella Civati

    |

    Te la invidio l’aspirapolvere!!

    Reply

  • Avatar

    valentina

    |

    le mensole sembrano fichissime, ma reggeranno alla lunga? ci hai messo meno del loro peso?

    Reply

    • Avatar

      sasha carnevali

      |

      ciao valentina, in realtà le ho caricate oltre. la portata ufficiale delle piccole è più verso i 7 chili che i 6, ma io sono sempre conservativa con le cifre quando do un consiglio… al massimo avrete una bella sorpresa, ma non una delusione! una mia amica le ha sù da anni e sono perfette, nessun cedimento. per me, valgono la pena!

      Reply

  • Avatar

    Luca M.

    |

    Ho preso i tartufini alla Svizzera (sei di Genova, quindi sai di cosa parlo) dopo aver letto questo post. GRAZIE! Ne ho mangiati un etto da solo, domani mattina quando mi peso ti ringrazio di nuovo 😉

    Reply

  • Avatar

    Patrizia

    |

    Io invece mi sono impalmata con il kimchi e il sugru…grazie

    Reply

    • Avatar

      sasha carnevali

      |

      patrizia, sai che il kimchi era in lizza per entrare? volevo farne 10 di prodotti, ma non riuscivo a fare un collage di 10 foto… e così alla fine ne ho fatti nove! però il kimchi entrerà con fanfara nella top 5 di questo o del prossimo mese. tu te lo fai in casa? o dove lo compri??

      Reply

      • Avatar

        Patrizia

        |

        Ci ho provato a farlo in casa ma ci devo lavorare…ci sono molte ricette e sono partita un po’ a naso, poi l’ho trovato originale a Milano alla fiera dell’artigianato per vedere com’è sia per fermentazione che spezie… In giro non l’ho ancora trovato

        Reply

        • Avatar

          sasha carnevali

          |

          io lo compro nei negozi di cibi asiatici. ne ho già provato qualcuno, ma non sono un granché. “maestà della formica” (cercali su facebook e online) fa un kimchi DA URLO, la mia droga, con verdure che coltivano loro in alta garfagnana, e che fanno fermentare 90 giorni con dell’elicrisio.
          l’altro kimchi buono che ho mangiato era la salone del gusto di torino al ristorante coreano.
          farlo in casa è un grande affare: so che puzza parecchio e dopo aver letto un libro sulla fermentazione in cui la parole botulino salta fuori ogni tre righe, ho deciso di rinunciare e comprarlo.
          a meno che non me lo insegni una ragazza coreana a cui sto facendo la corte da mesi… ti farò sapere!!

          Reply

          • Avatar

            Patrizia

            |

            Fammi sapere, appena finisco questo provo quello che mi hai suggerito, ma tu quando hai provato lo hai fatto con acciuga? farina?…in giro ci sono troppe versioni…PS:
            Grazie

          • Avatar

            sasha carnevali

            |

            non ho proprio provato… non ho avuto il coraggio! ma prima o poi lo farò… se ci provi tu mi fai sapere? mi interessa moltissimo! grazie 🙂