Una wedding cake da principessa

wedding dresses
Gli sposi, la loro wedding cake principesca e i Red Carpet Cake Design®. Photo © Giandomenico Cosentino

Ovvero “Lo Zen e l’arte di costruire torte monumentali (senza rimetterci le coronarie)”
Scritto, diretto, sudato e interpretato da Red Carpet Cake Design®

Oooom
Oooom
Oooom

Rispolverare la sapienza della meditazione Zen è indispensabile per sopravvivere alle follie delle nostre avventure nel mondo delle torte!!
(La massima da biscotto cinese ve l’ho messa giù subito, così non ci penso più)!
È dal debutto come regista che non ho più avuto un risveglio effetto POST-SBORNIA come questo: testa che gira e rimbomba, gambe di legno, lingua felpata… Ma polpastrelli già attivi per ricevere il messaggio della sposa che alle 7.30 del mattino (non so se appena sveglia o non ancora andata a dormire) mi scrive: “Super Grazie ancora ragazzi! Siete stati i più “complimentati” insieme al mio vestito!!”
Guardo la foto e realizzo che se sto così è perchè il giorno precedente abbiamo realizzato ben due torte nuziali, di cui una wedding cake da principessa alta 1,65m!!!!!!

La storia di questa giornata è singolare, due coppie di sposi con due stili esattamente opposti, due sfide per noi totalmente differenti.
Mentre la prima era una “naked cake” e coronava il banchetto di nozze in un contesto rustico e colorato (verde e magenta i colori scelti per l’allestimento, con coppia di ricci innamorati come logo dell’evento), la seconda, protagonista di questa storia, era una wedding cake “deluxe” da installare live in una villa seicentesca di Santa Margherita Ligure, una torta da nozze reali.
Citando lo stacchetto di Paola Cortellesi nel suo La Posta del Cuore: “evvi-i-va l’amor!”.

Sexy Dresses

Iniziamo proprio con i numeri di questa super-torta:
•    Tempo di gestazione: 3 mesi
•    Tempo di preparazione: 10 giorni
•    Tempo di montaggio: 6 ore
•    Piani  della torta: 9
•    Rose in cioccolato: 80 pz
•    Foglie in cioccolato: 150 pz
•    Elementi in ghiaccia 3d: 130 pz piccoli, 60 pz medi, 12 pz grandi
•    Torta mangiabile: 30 kg
•    Altezza max: 165cm
•    Diametro max: 120cm
•    Pasta di zucchero da copertura: 15kg
•    Pasta di zucchero da modellaggio:  5kg
•    Cioccolato plastico: 5kg

Nasce con un incontro veloce e misterioso, questa torta.
Il primo contatto con gli sposi fu strano, durò pochissimo, seduti sugli sgabelli della zona bar della Pasticceria Svizzera con cui lavoriamo come cake designer-in-residence.
Erano venuti molto in anticipo rispetto all’evento ed erano rimasti vaghi sia sulla data che sul luogo.
In questi casi non si può fare granchè, si danno le informazioni  minime perché gli sposi possano continuare con il tour dei preventivi per le varie pasticcerie, si sventola il catalogo con le proprie creazioni e si dà un secondo appuntamento.

L’allora futura sposa chiese una torta con le rose vere, io le spiegai che sia per la nostra specializzazione in decorazioni totalmente edibili e realistiche, sia per motivi igienici del fiore reciso sul dolce, non avremmo potuto accontentarla.
Ma nel momento in cui iniziai a mostrare il catalogo con le torte in ghiaccia reale notai un piccolo sussulto.
La sposa chiese informazioni sul materiale ed iniziando il mini-corso sulla ghiaccia reale, quello che la colpì di più fu proprio la parola “torte reali”.
Qualche settimana dopo per il secondo incontro.
Coinvolsi istintivamente Marco che normalmente in questa fase rimane dietro le quinte; in questo caso la sua presenza fu risolutiva perché durante i discorsi, alla parola “barocco” sia lui che la sposa si illuminarono condividendo una vera e propria passione per questo stile artistico.
Parlando uscì fuori che “tutto sommato una torta alla William & Kate” sarebbe stato un loro sogno nel cassetto.

Come non accontentarli? Non dimenticherò mai la luce negli occhi della sposa quando senza scomporci le abbiamo comunicato che era assolutamente fattibile realizzare l’oggetto dei loro desideri.
Scoprimmo in quel momento che il tema dell’allestimento era tutto un po’ principesco, con tanto di monogramma delle due iniziali degli sposi calligrafato che faceva bella mostra di sé su inviti, tableau e bomboniere.

Il monogramma. Photo © Giandomenico Cosentino
Il monogramma. Photo © Giandomenico Cosentino

Parlando del monogramma scoprimmo che la corona presente sulle iniziali faceva riferimento al marchesato della famiglia dello sposo, un casato storico Genovese molto noto; ricordavo in modo particolare per aver studiato la villa che l’architetto Alessi costruì per la famiglia nel 1600 e con la quale stabilì i parametri costruttivi di tutte le ville Genovesi dal seicento in poi…. Un vero e proprio matrimonio principesco era quello che stavamo preparando!

Ma entriamo nel merito della torta.

bozzetti della wedding cake da principessa
I bozzetti della wedding cake da principessa. Photo © Red Carpet Cake Design

Il primo bozzetto alternava piani di torta vera molto decorati con sontuosi drappi, e piani finti completamente decorati in ghiaccia reale, per risolvere la scelta degli sposi di una torta fresca, che in avanzata primavera avrebbe potuto dare qualche problema di condensa superficiale.
Lavorando io e Marco di spalle in laboratorio, ognuno col suo banchetto, non mi accorsi che in una sola mattina Mr Barocco Democratico, snaturò il bozzetto dandogli la sua libera interpretazione.
Invece di battibeccare come al solito sul suo iper-barocchismo, decisi che era l’occasione giusta per dare spazio alla sua mania iperdecorativa e compensare tante torte “piccole e semplici” che il tipico cliente genovese frequentemente ci chiede per paura… non sappiamo ancora di cosa… che avanzi della torta? Che sia troppo bella e rischi di offuscare con la sua bellezza il protagonismo del festeggiato? Stiamo ancora indagando su questa particolare patologia molto diffusa nella nostra città.

L’impegno più grande è stato gestire e decidere le dimensioni della torta vera in modo che fosse facilmente trasportabile e farcibile. Una base sponge cake (rivisitata da noi) avrebbe accolto una crema zabaione, un sapore un po’ antico  molto apprezzato in Liguria ma dalla consistenza non adatta alle torte monumentali di questo tipo.
Dopo aver progettato la sequenza di montaggio delle decorazioni e dei piani, e stimato il tempo che avremmo impiegato nella decorazione, in mezzo al lavoro quotidiano degli ordini più vari, iniziammo la super-produzione di decorazioni floreali in cioccolato e in ghiaccia reale.
Tutto è andato bene come in una fabbrica cinese.

Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)
Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)

E fu sera e fu mattina dal primo al decimo giorno.

Come novelli protagonisti del remake di Lady Hawke, iniziammo a preparare la torta quando il laboratorio si svuotò dal lavoro quotidiano giornaliero.
Componemmo in un solo pomeriggio tutta la torta vera e preparammo le basi finte per l’assemblaggio.
Il momento di muovere questo tortone arrivò il giorno dopo.

Inspira  espira, inspira, espira, ci preparammo a caricare i pezzi sul camioncino refrigerato per il trasporto, quello che la Pasticceria Svizzera utilizza per tutte le nostre missioni.
Le incognite sul tempo, sul trasporto, sul montaggio erano pianificate ma comunque correvano nello stomaco come criceti impazziti.
Primo ostacolo: la torta misurata per passare dalle porte era in realtà proprio a filo a causa dei maniglioni antipanico…

Oooom, ooom, ooom…

Per riassumere in breve, dopo tre avvisaglie di attacco di cuore, Marco, non so in preda a quali sostanze stupefacenti, mi disse che se avessi continuato ad allarmarmi così per ogni imprevisto non sarebbe arrivato vivo LUI a fine giornata.

Om om om…

Sfida accettata: far finta che tutte le catastrofi che vedevo non fossero importanti.

Il pomeriggio più divertente della mia vita: Marco e Dada di Bemagenta ci hanno dedicato l’intero pomeriggio per seguire fotograficamente la nostra avventura monumentale.

formal dresses NZ: Wedding Dresses,Bridesmaid Dresses,Ball Prom Dresses,Cocktail Gowns
Marco sistema il top… Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)

Coinvolti nel gioco “facciamo finta di niente”, con tono da nobildonne inglesi all’ora del té, ogni tanto si sentiva:  “Uh! Poffarbacco, il sole inizia a colpire la torta”.
Oppure: “Uh per dindirindina! Le decorazioni in ghiaccia si sono rotte”.
E così è continuato per il resto del tempo, perché tra sole, temperature, imprevisti  vari, le ore di montaggio passavano immobili.

rose in gum paste
Rose in cioccolato. Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)

Chiacchiere, risate, scherzi, per distrarre l’ansia crescente di riuscire a finire in tempo e bene!!
La sposa in tutto questo non sapeva che il progetto era stato ritoccato ed ingrandito rispetto al bozzetto pattuito… suspense!

I primi ospiti stavano arrivando all’orizzonte, segno che seppur in ritardo la cerimonia era finita.
Mettemmo il turbo e in un’oretta i tocchi finali alla mega-torta furono dati, quindi con l’ausilio di una scala posammo il mega-topper in ghiaccia reale (alto solo lui 50cm!!).

Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)
Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)

Finalmente arrivò la sposa: Barbara indossava un abito da sogno, bianco, semplice, romantico ma super-raffinato nella linea e nei dettagli di pizzo, realizzato in un tessuto che nel movimento rendeva la sposa un soffio di nuvola, ma che per il resto le rimaneva intorno al corpo disegnandole una figura di estrema eleganza.
Giuro, era ipnotico!!

Ma ecco il suo shock!!

Mai vista persona più felice davanti ad una nostra torta.
Ci abbracciò saltando e dimenticandosi del vestito!!
“IMPERIALE!!” urlò: grande, elegante, barocca, proprio come l’aveva sempre desiderata.

Un grande abbraccio...
Un grande abbraccio… Photo © Giandomenico Cosentino

E noi due… super-felici e super-fotografati oltre che dagli amici di BeMagenta e dagli smartphone di tutti gli invitati, anche da Giandomenico Cosentino, fotografo ufficiale dell’evento che gentilmente ha offerto alcuni scatti che trovate qui nell’articolo.

La curiosità creò una folla stupita di invitati di tutte le nazionalità, stupiti dal poter vedere dal vivo un’opera che veniva additata da tutti come “così grande ed elegante!”.
La processione di fotografie e di selfie con la torta e con noi, neanche a dirlo fu inevitabile.

Photo © Giandomenico Cosentino
Photo © Giandomenico Cosentino

Essendo anche invitati alla cena di nozze, arrivò il momento di prendere coraggio e abbandonare per qualche ora la torta al suo destino  per poter  degustare i buonissimi piatti del catering Capurro.
Dovemmo così abbandonare pensieri paranoici tipo: “e se una foglia cade da quell’albero e rompe il topper di ghiaccia? E se una folata di vento spiaccica qualche insetto sulla pasta di zucchero??”.
L’attesa passò tra convivialità e tensione, ma al momento della torta si creò una fiumana elegantissima di ospiti, diretta al centro della festa nella terrazza del pozzo con una pavimentazione in risseu liguri (mosaico di ciottoli), che non facilitava le signore col tacco ma che rendeva splendida la fotografia del momento esaltando la torta bianca e oro.
Vedere la soddisfazione negli occhi degli sposi e la gioia nel poter celebrare quel momento con un oggetto di questo tipo è stato veramente il miglior ringraziamento che un artista  avrebbe potuto  ricevere.

Iniziò così il taglio e quindi lo smontaggio della torta: la torta si era mantenuta perfetta e i bis degli invitati di tutto il mondo ce lo confermò.
Potemmo crollare solo dopo le 2 del mattino insieme ad Anna che guidando il camioncino del trasporto aveva pazientemente aspettato con noi tutte quelle ore, e che ringraziamo ancora… Anna, la prossima volta, te lo promettiamo, sarà solo una veloce consegna di cupcake!

Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)
Photo © Marco Verna e Dada Segantini (Bemagenta)

Guarda anche le wedding cake reali con cui re e regine hanno festeggiato le loro nozze

La torta realizzata da Fiona Cairns per il matrimonio di William e Kate
La torta realizzata da Fiona Cairns per il matrimonio di William e Kate

E le torte nuziali dei divi di Hollywood: Liz, Angelina, Marilyn, Tom, George… per la serie “dimmi che torta avevi e ti dirò chi sei”!

wedding cake Brad Pitt e Angelina Jolie
Brad Pitt e Angelina Jolie tagliano la loro naked cake nuziale circondati dai figli