Adesso c’è anche il cioccolato rosa (al naturale)

Il cioccolato rosa – rosa al naturale, senza coloranti o addittivi – arriverà nei negozi entro la fine del 2018. Non ci sono più solo il fondente, il bianco e quello al latte: siete pronti a provare un sapore nuovo?

Ruby chocolate cioccolato rosa
Ruby chocolate. Photo © Callebaut

Cos’è il cioccolato rosa

Si chiama “Ruby Chocolate” ed è prodotto esclusivamente dalla più grande azienda del settore del mondo, la svizzera Barry Callebaut. Con 55 fabbriche e sedi in 30 nazioni, è il maggiore “processatore” di cacao sul mercato.

Le caratteristiche:

  • è privo di addittivi e coloranti
  • ha un sapore fruttato che ricorda i lamponi e le fragole
  • è meno dolce del cioccolato al latte
  • ha una consistenza particolarmente setosa

Il cioccolato rosa è stato scoperto nei laboratori Callebaut 14 anni fa durante degli esperimenti per processare nuove fave di cacao provenienti dalla Costa d’Avorio.
È stato studiato e messo a punto solo negli ultimi due anni per immetterlo sul mercato: l’azienda ha ritenuto che i tempi fossero maturi per soddisfare una domanda sempre crescente per cibi dall’aspetto straordinario e quindi molto condivisibili sui social.

Sì, è proprio questa la ragione: è un cioccolato bellissimo, “altamente instagrammabile“, già testato con un’edizione limitata di KitKat rosa lanciata in Corea del Sud e Giappone, che incidentalmente è il secondo consumatore mondiale di KitKat (a Tokyo trovate le barrette a tutti i gusti immaginabili, creati ogni anno dal maître chocolatier Yasumasa Takagi: anche al sushi, con tanto di riso e wasabi!).

kitkat-cioccolato-rosa
© Nestlè

Una barretta costa circa 3,50€… più il volo intercontinentale!

Oppure potete ordinare una confezione (una alla volta) sullo shop online giapponese: costa solo 10.000 yen: circa 75 euro al cambio corrente.

Sublime-Ruby kitkat
Confezioni di Sublime Ruby KitKat © Nestlè

Il cioccolato rosa è stato usato anche da Dinara Kasko per creare questa incredibile torta algoritmica:

Leggi qui l’intervista a Dinara Kasko, che ci racconta come l’ha realizzata usando una stampante i 3D.

E ora… quanto voglia avete di assaggiare il cioccolato rosa??